Primonumero.it - Notizie da Termoli Campobasso Molise

“La mia compagna di scuola é una donna”. Il concorso per educare al rispetto da piccoli

Padre Enzo Ronzitti ha organizzato il primo concorso destinato agli alunni delle scuole elementari e medie di Termoli «perché il rispetto per le donne va insegnato da subito, non da adulti - ha affermato il parroco di San Pietro - Il valore della dignità della donna va trasmesso da quando sono piccoli, tra i banchi di scuola». In pochi giorni dall’apertura del concorso, lo scorso 1 febbraio, sono più di 200 i componimenti e i disegni arrivati alla commissione che avrà il compito di assegnare i premi. «Daremo almeno una decina di riconoscimenti durante la cerimonia conclusiva nella chiesa del Sacro Cuore, mentre le opere saranno esposte al Macte dal 5 all’8 marzo».

Più informazioni su

L’idea é nata da padre Enzo Ronzitti, il parroco di San Pietro da sempre impegnato in iniziative culturali e sociali. E anche questa volta, in occasione della festa della donna dell’8 marzo, ha pensato ad un concorso letterario e artistico per i più piccoli che potesse insegnare. «Perché l’educazione e il rispetto verso le donne va insegnato da subito, da quando si è bambini. Non adulti». Per questo ha ideato in pochissimo tempo il concorso “La mia compagna di classe é una donna”, partito lo scorso 1 febbraio e con più di 200 testi e disegni arrivati alla commissione esaminatrice in pochissimi giorni.

«Ci siamo resi conto – aggiunge il parroco di San Pietro al telefono – che bisogna parlare ai bambini, bisogna che imparino il valore della dignità della donna da quando sono piccoli. Le compagne di banco a scuola saranno delle donne, saranno le amiche, le compagne e le mamme del domani e devono imparare a rispettarle». Nei giorni scorsi nelle varie scuole elementari e medie termolesi, gli alunni hanno composto temi, frasi, pensieri, componimenti, poesie e anche disegni come dedica per le loro compagne di scuola. Dal 5 all’8 marzo, dalle 10 alle 12 e dalle 16 alle 20, le loro opere saranno in mostra al Macte di via Giappone, mentre l’8 marzo dalle 15.30, nel giorno dedicato alle donne, si svolgerà nella chiesa del Sacro Cuore la premiazione finale, «che sarà aperta da un incontro al quale parteciperà anche una suora che da alcuni anni é impegnata a togliere dalla strada nella terra dei fuochi le ragazze – ha aggiunto il parroco – mentre il 7 ci sarà una veglia di preghiera per un momento di riflessione cristiano nella chiesa di San Pietro dopo la messa delle 18».

Saranno premiati non solo i primi tre, «ma pensavamo di assegnare almeno una decina di premi». Per gli studenti più grandi invece, quelli delle superiori, padre Enzo e la commissione hanno pensato ad una bacheca virtuale, rappresentata dalla pagina facebook dell’evento, su cui è possibile scrivere il proprio pensiero dedicato alle donne.

Più informazioni su