Primonumero.it - Notizie da Termoli Campobasso Molise

Filiera avicola, firmato l’accordo con Amadori: “Rilancio e tutela del lavoro le priorità” foto

Raggiunta l’intesa col gruppo che ha comprato i beni della Gam di Bojano: al ministero dello Sviluppo economico la firma su accordi quadro e sindacale. "Il successo dell’intera operazione - ha spiegato il governatore Frattura - passa per due punti principali: la riqualificazione dei beni della filiera e l’assunzione progressiva dei lavoratori. Saremo al fianco della società Agricola Vicentina per offrire il necessario supporto affinché possano concretizzarsi le condizioni indicate dal gruppo Amadori per la ripresa dell’attività produttiva e quindi per la risalita dei livelli occupazionali”.

Più informazioni su

Una giornata decisiva per il rilancio della filiera avicola molisana: al ministero dello Sviluppo economico nella serata del 28 febbraio è stato finalmente firmato l’accordo quadro e quello sindacale col gruppo Amadori che, tramite la sua controllata Avicola Vicentina, si è aggiudicata i beni della Gam di Bojano.
Dopo la concitata assemblea dei lavoratori del 27 febbraio che ha detto sì al colosso del pollame italiano, al Mise sono state gettate le basi per far ripartire il comparto molisano salvaguardando da un lato i posti di lavoro e dall’altro riqualificando le professionalità presenti nel territorio.

Paolo di Laura Frattura, presidente della Regione, al termine dell’incontro a Roma, ha parlato di «inizio di una nuova era grazie al gruppo Amadori, leader a livello europeo nel settore».
A sottoscrivere entrambi gli accordi, l’amministratore unico di Gam srl, Giulio Berchicci, l’amministratore delegato del gruppo Amadori, Massimo Romani, i segretari nazionali e le strutture territoriali delle organizzazioni sindacali Flai-Cgil, Fai-Cisl, Uila-Uil e Ugl, le Rsu di Gam, il governatore molisano e lo stesso Ministero che ha ratificato le intese.

Prossimo passo è il perfezionamento, entro l’8 marzo, della procedura di acquisto dei beni della filiera da parte di Agricola Vicentina srl.
«Tutti insieme, con la firma degli accordi, assumiamo responsabilità e impegni precisi per dare un nuovo corso a un settore determinante per l’economia molisana. La Regione – ha rimarcato Frattura –, continuerà, come fatto finora, a compiere ogni sforzo necessario per il successo dell’intera operazione che passa per due punti principali indicati nei nostri accordi, la riqualificazione dei beni della filiera e l’assunzione progressiva dei lavoratori. Saremo al fianco della società Agricola Vicentina per offrire il necessario supporto affinché possano concretizzarsi le condizioni indicate dal gruppo Amadori per la ripresa dell’attività produttiva e quindi per la risalita dei livelli occupazionali. Questo risultato, che è frutto anche dalle condizioni che abbiamo costruito perché un colosso come Amadori decidesse di investire nel nostro Molise, è dei lavoratori e delle organizzazioni sindacali, che hanno partecipato al percorso che abbiamo delineato per rilanciare la filiera. Oggi è soprattutto per loro che parliamo di avvio della ripartenza».

Più informazioni su