Primonumero.it - Notizie da Termoli Campobasso Molise

Provincia, assegnate le deleghe. Le più “toste”, viabilità e scuole, a D’Elia e Barbieri

Il presidente di Palazzo Magno, Antonio Battista ha scelto gli uomini che comporranno la sua squadra: il ruolo di vicepresidente sarà ricoperto dal termolese Antonio Giuditta, che avrà anche la delega ai rapporti con la Regione. Vincenzo Sabella, pure lui esponente adriatico, guiderà invece le Finanze. Toccherà al campobassano Giuseppe D’Elia dedicarsi al capitolo più spinoso, quello della viabilità. Mentre sarà il sindaco d San Giuliano di Puglia, Luigi Barbieri, a occuparsi di edilizia scolastica. I trasporti a Varra, l’ambiente a Romano e le politiche per l’innovazione a Columbro. A Martino il dimensionamento scolastico.

Più informazioni su

Ore calde allaProvincia di Campobasso: il presidente Antonio Battista ha assegnato le deleghe ai consiglieri. Le avrebbe dovute annunciare ufficialmente in mattinata, ma la conferenza è stata annullata per un lutto che ha colpito uno dei consiglieri. In ogni caso, le scelte sono state fatte. Cominciamo col dire che il ruolo divicepresidente sarà ricoperto dal termolese Antonio Giuditta, che avrà anche la delega ai rapporti con la Regione. Vincenzo Sabella, anche lui esponente adriatico, guiderà invece le Finanze. Toccherà al campobassano Giuseppe D’Elia dedicarsi al capitolo più spinoso, quello della viabilità, considerando la situazione precaria delle strade e la oggettiva fragilità del territorio molisano. Oltre, naturalmente, e questo è l’aspetto principale, alla penuria di risorse. Itrasporti andranno a Giovanni Varra, espressione del capoluogo come AntonioColumbro, il quale si occuperà di politiche per l’innovazione e la programmazione. L’ambiente è stato assegnato al sindaco di Spinete, AndreaRomano, in prima linea contro la costruzione delle centrali a biomasse nella vallata matesina. Significativa l’assegnazione della delega all’edilizia scolastica al sindaco di San Giuliano di Puglia, Luigi Barbieri, una sorta di simbolo della rinascita dopo la tragedia toccata alla ‘Jovine’. Collegata a questa, il dimensionamento scolastico (oltre che rapporti con il territorio e politiche europee) che spetterà a Stefano Martino, giovane primo cittadino di Sant’Elia a Pianisi. Come si accennava in precedenza, è chiaro che a Palazzo Magno bisognerà fare i conti con una ristrettezza economica che consente solo piccole manovre di movimento.
Rammentando un po’ di numeri, ricordiamo che lo scorso agosto, quando si sono svolte le elezioni di secondo grado per il rinnovo della Provincia, il quoziente più alto (8368) lo raccolse Giuseppe D’Elia, grazie soprattutto ai 12 voti presi nella maggioranza di Palazzo San Giorgio. Tra le due liste a sostegno di Battista, 5 seggi andarono a quella che faceva capo al Pd, 3 a quella ‘civica’. Guardando invece al totale dei voti senza considerarne il ’peso’, il re delle preferenze fu Luigi Barbieri per il quale votarono 100 amministratori, seguito da Andrea Romano con 92.

Più informazioni su