Primonumero.it - Notizie da Termoli Campobasso Molise

Spunta dall’erba e viene investito da 3 auto: capriolo ucciso sulla Bifernina. Due feriti foto

L’incidente è avvenuto questa notte nei pressi del bivio di Larino. L’animale ha attraversato la strada improvvisamente ed è stato centrato da alcune auto in transito. Le ferite riportate dall’animale gli sono state fatali, mentre le due persone all’interno della vettura che l’ha centrato hanno riportato ferite lievi. Un capriolo in quella zona è un fatto insolito, ma non nuovissimo in Basso Molise, a dimostrazione di come la fauna che prima si trovava solo in montagna si stia spostando a valle.

Più informazioni su

E’ spuntato fuori improvvisamente dall’erba attraversando la Bifernina nei pressi dell’azienda Coteb venendo centrato da tre macchine. Così un capriolo è stato investito e ucciso nella tarda serata di sabato 28 gennaio al bivio di Larino sulla statale 647. Due persone all’interno della stessa auto che ha centrato l’ungulato hanno avuto bisogno delle cure dei medici del pronto soccorso di Termoli. Per fortuna però le loro condizioni non sono gravi, mentre la macchina ha riportato molti danni.

La loro vettura ha preso il capriolo in pieno mentre altre macchine che sopraggiungevano hanno investito l’animale non riuscendo a evitarlo. Sul posto per i rilievi sono arrivati i carabinieri della stazione di Larino coordinati dal comandante Raffaele Iacuzio, mentre la carcassa del capriolo è stata successivamente smaltita secondo i termini di legge, con l’aiuto di alcune guardie ecologiche.

L’attraversamento di un capriolo così a valle è un fatto decisamente insolito visto che questa specie faunistiche e di solito presente in montagna e in particolare nel Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise ma di certo non nella zona frentana. In realtà già nel 2015 l’avvistamento di un capriolo era stato segnalato anche da Primonumero nella zona di Petacciato Marina a ulteriore dimostrazione di come gli ungulati si stiano spostando dai monti abruzzesi o molisani alle campagne e ai boschi del Basso Molise, probabilmente alla ricerca di un clima meno ostile in questa parte dell’anno, oltre che di cibo.

Più informazioni su