Primonumero.it - Notizie da Termoli Campobasso Molise

Raffica di multe in ospedale, utenti in rivolta: “Inevitabile coi parcheggi ancora pieni di neve” foto

Brutta sorpresa a contrada Tappino dove in mattinata sono arrivati i vigili urbani a multare decine di automobilisti in divieto. La strada è sempre piena di veicoli e gli autobus che dal Cardarelli scendono in centro o verso il terminal accumulano svariati minuti di ritardo a causa dei rallentamenti causati dal restringimento della carreggiata. Gli utenti che si sono ritrovati il verbale sul parabrezza sono arrabbiati: "Non c’è un posto perché i parcheggi sono ancora pieni di neve ma dove dovremmo lasciare la macchina?". Intanto anche prendere un autobus non è semplicissimo tra sedute vandalizzate e macchinetta dei biglietti malfunzionante

Più informazioni su

Avevano lasciato la macchina in divieto di sosta perché a contrada Tappino è ormai una consuetudine. Ma una volta tornati indietro hanno trovato una brutta sorpresa: decine di utenti dell’ospedale erano stati multati in mattinata dai vigili urbani. Una sfilza di foglietti bianchi sventolava sui parabrezza di tantissimi veicoli, in particolare di quelli che si erano accostati tra il nuovo parcheggio del Cardarelli e l’ingresso della facoltà di Medicina.
«Ma dove dovremmo lasciare le auto – scrive a Primonumero una campobassana multata – se di posti non ce ne sono? Pensassero piuttosto a far togliere la neve che occupa ancora gli stalli, mica si può andare a piedi per chilometri?».

La rabbia è esplosa perché, nonostante siano ormai diversi giorni che il maltempo ha concesso una tregua, i cumuli di neve – dal centro alla periferia – sono ancora alti e ingombranti. A contrada Tappino, però, le auto parcheggiate in divieto di sosta hanno creato un disagio ulteriore anche a chi utilizza gli autobus. Svariati minuti di ritardo vengono accumulati da giorni dai pullman che dal nosocomio porta in città e al terminal perché col restringimento della carreggiata il mezzo non riesce a passare trasformando quel tratto di strada in un senso unico alternato.

E chi viaggia in autobus ha già altri disservizi da sopportare: la fermata dell’ospedale – frequentatissima – ha diverse sedute esterne vandalizzate. Quando piove le sedioline rosse si riempiono di acqua per non parlare della biglietteria automatica che ha sostituito il più comodo servizio di acquisto del ticket nel bar dell’ospedale: la macchinetta va “a intuito” visto che il codice del biglietto è stato scritto con la scolorina e la tabella elettronica – che dovrebbe anche informare su orari e tempi di percorrenza, non funziona. In più non dà resto ma eroga un ulteriore biglietto rimborsabile nella sede Seac. Praticamente soldi persi.
(AD)

Più informazioni su