Primonumero.it - Notizie da Termoli Campobasso Molise

Caos allo stadio: un metro di acqua nel tunnel. E il campo è ancora inutilizzabile

La brutta scoperta è stata fatta stamattina dal magazziniere e custode dell’impianto sportivo, il quale ha spiegato che le pompe presenti nel sotterraneo non tirano automaticamente l’acqua che si è accumulata nel passaggio che porta agli spogliatoi. Sul campo sono presenti ancora venti centimetri di neve sotto i quali c’è uno strato di ghiaccio: pur volendo spalare, verrebbe distrutta completamente l’erbetta. Impossibile utilizzare i bobcat come per i terreni in sintetico.

Più informazioni su

Il tunnel sotterraneo dello stadio di Selvapiana è completamente allagato. Stamattina la brutta scoperta fatta dal custode del campo, nonché magazziniere, Goffredo Iorio, il quale ha constatato che l’allagamento è avvenuto in una sola notte, cioè quella appena trascorsa. Infatti, nella giornata di ieri tutto era nella normalità. Ricordiamo che il manto erboso è ancora completamente innevato: ci sono in media venti centimetri su tutto il terreno.

È chiaro che sciogliendosi e, attraverso il sistema di drenaggio, penetra nella parte sottostante, dove però non funzionano in maniera automatica le pompe che dovrebbero aspirare l’acqua e per questo motivo si è accumulato un vero e proprio laghetto che raggiunge i 110 centimetri. Tra l’altro, si è rischiato di mandare in tilt anche il sistema elettrico. Per questo, dalla società si chiede al Comune di intervenire con la manutenzione ordinaria, per evitare di incorrere in questo tipo di episodi.

Per quanto riguarda le condizioni del campo, non è stato possibile spalare la neve presente e quindi giocare contro il Pineto a Selvapiana per due diversi motivi. Il primo riguarda il fatto che la neve caduta il 6 gennaio si è completamente congelata per via delle temperature bassissime dei giorni seguenti. E quindi quella caduta in seguito è andata a depositarsi su questo strato ghiacciato.

In pratica, anche spalando verrebbe via l’erbetta. In secondo luogo, il terreno è argilloso e pur togliendo la neve resterebbe una fanghiglia molto difficile da far asciugare. Impossibile, chiaramente, l’ipotesi legata all’utilizzo di bobcat, verrebbe distrutto il lavoro fatto molto bene in questi mesi. È normale che su un sintetico è più facile rimuovere la neve, soprattutto quando l’erbetta è ormai usurata.

Più informazioni su