Primonumero.it - Notizie da Termoli Campobasso Molise

Furto in porto, rubati gps e pc da un peschereccio. Ma le telecamere non funzionano foto

Questa mattina, lunedì 16 gennaio, la scoperta a bordo del motopeschereccio "Caterina". La porta della cabina che conduce alla plancia di comando era stata manomessa e la serratura era rotta. All’interno sono stati portati via il Gps e il computer con il programma utilizzato per la navigazione per un valore totale di mille euro. Ma al danno si aggiunge la beffa perchè le telecamere di sorveglianza attaccate ai pali della luce non funzionano e non hanno registrato il furto.

Più informazioni su

La scoperta del furto a bordo del motopeschereccio è stata fatta questa mattina, intorno alle 8.30, quando Silvio Cannarsa, proprietario da un anno insieme alla sua famiglia del “Caterina”, aveva raggiunto il porto per iniziare la giornata di lavoro. Il lucchetto utilizzato che chiude la porta di legno della cabina era stato rotto e la serratura manomessa per accedere alla plancia di comando dove è posizionata la strumentazione utile alla navigazione. E proprio dalla plancia i ladri – non si sa ancora bene quanti siano stati – hanno portato via il Gps e il computer di bordo, un vecchio portatile, con il programma utilizzato per le mappe della navigazione. «Mille euro – racconta amareggiato il proprietario Silvio – è quanto valeva tutto ciò che ci hanno portato via, il computer era vecchio ma il programma che utilizziamo all’interno costa 500 euro e anche più».

Ma al danno per il furto subito si aggiunge la beffa, perchè le telecamere montate al porto sui pali dell’illuminazione non funzionano. «L’ho scoperto – continua Silvio – questa mattina, quando sono andato in Capitaneria di Porto per la denuncia, ho parlato delle telecamere e mi hanno detto che non era possibile visionare i filmati perchè non funzionano». Le indagini quindi dovranno fare a meno dei video delle telecamere posizionate di fronte alla barca, attraccata da ieri al porto, nella banchina sul lato sinistro guardando dalla scala a chiocciola.

Un furto anomalo e particolarmente raro a bordo delle imbarcazioni attraccate al porto di Termoli. «Ero andato via ieri intorno alle 12, stanotte invece c’era movimento perchè le navi arrivano e partono, per questo il furto – conclude Silvio facendo un’ipotesi – potrebbe essere avvenuto nelle poche ore in cui non c’era nessuno».

Più informazioni su