Primonumero.it - Notizie da Termoli Campobasso Molise

Quando si usciva dai balconi e non c’era da mangiare. Febbraio ’56: la nevicata del secolo

Sono tanti i campobassani che in questi giorni di allerta meteo ricordano l’ondata di neve e gelo che sommerse l’Italia nel febbraio del 1956: "Oggi ci sono mezzi per pulire le strade noi non avevamo nulla, la gente usciva da balconi e finestre e furono scavate gallerie e corridoi negli accumuli nevosi. In città dopo alcuni giorni scarseggiavano i viveri e fu necessario farli arrivare con un elicottero".

Più informazioni su

Quella del febbraio 1956 è stata una nevicata record citata anche da Wikipedia che ne parla come di un “evento meteorologico di particolare rilevanza ed eccezionalità storica per dimensioni del fenomeno che colpì il continente europeo e l’Italia nell’inverno di quell’anno”.
Molti campobassani ricordano bene ancora oggi quella eccezionale ondata di freddo che coprì tutta la regione di neve e gelo tanto da definirla la nevicata del secolo.
E oggi che l’allerta meteo flagella da sei giorni il nostro territorio, sono tante le persone che andando indietro con la memoria hanno pubblicato vecchie foto di quella bufera.

«La gente era costretta a uscire da balconi e finestre, per uscire furono realizzati corridoi nella neve e gallerie, scarseggiavano i viveri e dopo una settimana in città non si riusciva a trovare più nulla».
I viveri arrivarono con l’elicottero, «tanti mezzi spargisale e spalaneve non c’erano, bisognava arrangiarsi con pale e carriole. Insomma, chi si lamenta oggi per i disagi avrebbe dovuto esserci quando in città caddero due metri di neve».
(AD)

Più informazioni su