Primonumero.it - Notizie da Termoli Campobasso Molise

Vecchio e nuovo Romagnoli: “Anomalia assoluta”. Sbiadisce l’ipotesi dello stadio Scorrano

Il Comune di Campobasso chiamerà l’area attorno all’ex stadio Romagnoli "Parco 5 luglio" in ricordo della visita del santo padre a Campobasso. Per il sindaco Battista l’Amministrazione colmerà un vuoto: "Sulla toponomastica il parcheggio e la vecchia curva sud non avevano un nome, mentre all’aviatore Giovanni Romagnoli era stato intitolato solo il rettangolo di gioco". Ma con questa nuova targa per Bergoglio, fortemente voluta dalla Curia, l’attuale struttura sportiva di contrada Selvapiana resterà l’unico Romagnoli della città. Facendo sfumare l’ipotesi di ribattezzarlo alla memoria del capitano Scorrano deceduto nel 2009, meno dei 10 anni necessari a intitolare strade, palazzi o piazze. "Neppure per Bergoglio abbiamo chiesto una deroga, non volevamo creare un precedente".

Più informazioni su

Un aviatore della prima guerra mondiale, un papa che arriva dal sud del mondo e una vecchia gloria del calcio campobassano: tre esistenze apparentemente distanti che s’intrecciano attorno a un’area della città, quella, per intenderci, meglio nota come Ex Romagnoli.
“Parco 5 luglio – visita Papa Francesco” è così che il Comune di Campobasso ha deciso di ribattezzare la zona “destinata a parco urbano” (come c’è scritto sulla delibera di Giunta numero 90 del 15 maggio 2015) trasmessa alla Prefettura per il nulla osta definitivo.
Il sindaco Antonio Battista ha spiegato che con questo atto «non cancelleremo la memoria di nessuno». All’aviatore Giovanni Romagnoli, medaglia d’oro al valor militare nella prima guerra mondiale, era intitolato solo il rettangolo di gioco. Il vecchio stadio, per capirci, portava il suo nome «mentre il parcheggio attorno non era indicato in alcun modo sulla toponomastica».
E quindi l’Amministrazione, pressata sull’intitolazione anche dal vescovo Bregantini che alla targa in ricordo di quella storica visita ci tiene parecchio, andrebbe a colmare un vuoto. Ma al di là della polemica che pure ha accompagnato l’arrivo della proposta in commissione, la decisione, apre anche a un’altra riflessione.

Se l’Ex Romagnoli non ci sarà più, il nuovo Romagnoli, cioè lo stadio di contrada Selvapiana, come si chiamerà? Dalla morte dell’ex capitano del Campobasso, Michele Scorrano, si parla di intitolargli la struttura sportiva che quest’anno compirà 30 anni. Sul caso anche il Consiglio comunale si è pronunciato. Per farlo, però, devono passare almeno 10 anni dalla scomparsa (Scorrano è morto il 22 febbraio 2009). E si deve superare il problema di una eventuale doppia intitolazione (a Romagnoli o a Scorrano?)

Non a caso anche la centralissima area in cui Bergoglio ha celebrato messa il 5 luglio 2014 si chiamerà con una data (Parco 5 luglio) e non Parco papa Francesco come volevano fare all’inizio.

«Avremmo potuto chiedere una deroga – ha spiegato ancora il sindaco Battista – ma non volevamo creare il precedente. Sulla presenza in città di due stadi che si chiamano allo stesso modo, vecchio e nuovo Romagnoli, siamo di fronte a un’anomalia assoluta. Con l’intitolazione al santo padre resterà solo un Romagnoli, quello di contrada Selvapiana. E non ho nulla in contrario al fatto che venga dedicato alla memoria di Scorrano».

Ma non prima del 2019.

Più informazioni su