Primonumero.it - Notizie da Termoli Campobasso Molise

Trionfo di strumenti e voci, piazza stregata. Musica in Borgo debutta tra gli applausi foto

Pubblico numeroso e coinvolto per la prima serata della rassegna di musica di qualità in piazza Duomo. Centinaia, di Termoli e da tutta la regione ma anche da più lontano, tra le sedie, le scale della Cattedrale e in piedi per seguire il doppio concerto di contrabbasso, chitarra e voce che ha inaugurato la quattro giorni di eventi a conclusione dell’estate.

Più informazioni su

Strumenti musicali e voce, anzi voci. Serata live da applausi ed emozioni in piazza Duomo, dove Adam Ben Ezra prima e il duo Antonio Forcione Sarah Jane Morris poi incantano il pubblico, numeroso e coinvolto, che ha seguito per quasi tre ore lo show nella cornice affascinante davanti la Cattedrale: un ambiente perfetto e raccolto, che ha pagato solo il prezzo di contenere un numero limitato di spettatori, che comunque si sono “arrangiati” con sedie di fortuna accanto a quelle allestite regolarmente, sulle scale della chiesa, ai tavolini dei bar e in piedi, confermando il successo dell’iniziativa organizzata dall’Amministrazione comunale.

Il “fenomeno del contrabbasso”, come la critica definisce senza riserve Adam Ben Ezra, artista israeliano, apre il sipario di Musica in Borgo, dove trovano posto centinaia di appassionati ma anche profani del genere, richiamati da un evento che conclude l’estate termolese a colpi di artisti di fama internazionale.

Virtuosismi, passaggi veloci e emozionanti tra jazz, note dal sapore mediterraneo, brani cantati e strumentali suonati con l’archetto e le mani, musica israeliana e palestinese: Adam Ben Ezra, che ha iniziato a suonare il violino a cinque anni e a 9 la chitarra, aggiungendo poi clarinetto e contrabbasso, lo strumento che gli ha regalato fama internazionale, strega il pubblico e lancia un messaggio di pace e un appello alla fine della guerra nella sua terra. L’artista, poliedrico e applauditissimo dal pubblico, introduce con un’ora di magia la voce sofisticata, unica e indimenticabile di Sarah Jane Morris, e la chitarra versatile e avventurosa di Antonio Forcione, compositore chitarrista straordinario originario di Montecilfone.

Una coppia indimenticabile, che ha portato sul palco un talento straordinario. Lei, una moderna lady in black e crinolina strappata sufficientemente diva da affascinare famiglie, giovani e perfino bambini, ha regalato il dono di una voce profonda e calda, capace di spaziare tra generi e ritmi differenti. Lui, immancabile berretto in testa, ha salutato il ’suo’ Molise con arpeggi e virtuosismi, tirando fuori dalla chitarra il potenziale massimo dello strumento, percuotendola, accarezzandola, battendola, pizzicandola con quel talento che lo ha reso famoso e apprezzato in tutto il mondo. Un repertorio vario, brani più o meno noti, alcuni tratti dal cd che Forcione e Morris hanno prodotto, che si è concluso, dopo la richiesta di ibs, con una struggente interpretazione della sempreverde Blowind in the Wind di Bob Dylan.

Centrato l’obiettivo della rassegna, cioè riportare tra le mura del Borgo, nella zona più suggestiva di Termoli, la musica di alta qualità sulla scia delle rassegne degli scorsi anni, come il Festival Adriatico delle Musiche. Tra il pubblico anche il sindaco Angelo Sbrocca, diversi amministratori e gli organizzatori della rassegna.

Più informazioni su