Primonumero.it - Notizie da Termoli Campobasso Molise

2088 nati nel 2017. Più parti naturali e obiettivi raggiunti da Asrem

Più informazioni su

In tutto il Molise sono nati 1781 neonati, 882 venuti alla luce al centro nascita di Campobasso, 455 ad Isernia e 444 a Termoli (i dati sono 2017) e rappresentano l’85% dei neonati molisani (su un totale di 2088 nascite in totale). Sono i dati diffusi dalla Regione Molise.
E poi con una media di più 30 parti a trimestre, presso il centro nascita di Isernia al 31 dicembre 2018 sarà raggiunto il numero di 575 nati, consentendo il superamento dell’obiettivo atteso di 500 nati.
Inoltre, rispetto ai dati del 2013-2014, dove la percentuale di taglio cesareo in Molise si attestava al 45%, al 2016 – in base ai dati dell’Agenas – la percentuale registrata di parti con taglio cesareo primario è del 33,46%, con punte del 15,21% su Isernia.
Parte da questi risultati il racconto dell’ampio ed articolato sforzo organizzativo messo in campo dalla Azienda Sanitaria Regionale del Molise al fine di garantire continuità ai servizi materno – infantili che ha migliorato i processi organizzativi e reso più efficienti le risposte assistenziali dei punti nascita di Campobasso, Isernia e Termoli.
Dunque la Regione Molise ha rispettato ampiamente le indicazioni espresse dal Sistema sanitario che promuove qualità, sicurezza ed umanizzazione del parto, ponendo grande attenzione tra l’altro alla riduzione dei cesarei e alla razionalizzazione della rete dei punti nascita.
I punti nascita regionali, quali contesti organizzativi ad alta complessitàin cui gli operatori sanitari devono garantire prestazioni appropriate e di qualità, in situazioni operative difficili, con un rischi potenziali elevati di eventi avversi, rappresentano il cuore dell’organizzazione dei servizi materno – infantili.
Intanto l’Asrem avvia iniziative formative rivolte agli operatori impegnati nel ’Percorso nascita’. Si parte il 20 e 21 aprile a Palazzo Chiarulli a Ferrazzano (Campobasso) con l’incontro ’Le emergenze in area ostetrico-neonatale’. Un progetto con quale intende potenziare le capacità del personale medico, ostetrico ed infermieristico nella gestione delle situazioni di emergenza in team, sviluppare le competenze tecniche e comportamentali per aumentare il livello di affidabilità e di sicurezza del blocco parto, sfruttando la simulazione secondo i principi della metodica addestrativa Crew Resource Management, superando così la didattica della sola lezione frontale. Questo metodo, applicato per la prima volta nella sanità della Regione Molise, ha la peculiarità di enfatizzare il fattore umano comportamentale nella gestione di una emergenza attraverso la simulazione, allo scopo di ridurre al minimo ogni possibile errore.
La prossima pubblicazione della carta dei servizi per il percorso nascita, attesa nella versione aggiornata al 30 giugno, consentirà alla popolazione molisana, alle donne ed alle famiglie di conoscere a pieno le prestazioni offerte dall’Asrem alle future mamme, con l’obiettivo di rappresentare che la qualità, la sicurezza e l’umanità ne rappresentano i valori fondanti.

Più informazioni su