Primonumero.it - Notizie da Termoli Campobasso Molise

Svimez, Iorio: “Nessun merito di Frattura. Da marzo torniamo noi”

Più informazioni su

Critica Frattura e l’Amministrazione regionale e si dice pronto a tornare in sella alla guida del Molise. Michele Iorio è convinto che il suo ritorno sia prossimo e lo fa capire cogliendo l’occasione per commentare il rapporto Svimez con durezza verso il suo successore. «È davvero paradossale veder gioire chi oggi presiede la Regione Molise per qualche piccolo segnale positivo proveniente da questa terra inserito nel rapporto Svimez. E viene da sorridere, con amarezza, perché quel segno positivo è dovuto alle misure adottate dal governo centrale per l’intero Mezzogiorno. Il resto del rapporto, infatti, segna una situazione disastrosa dovuta alla mancanza di forze e impegno profusi in ogni direzione dal governo regionale. Non una misura per il sociale, non un sostegno alla povertà».
Secondo l’ex presidente «il Molise dovrà affrontare un periodo di ricostruzione del tessuto economico e di riavvio di un processo di sviluppo “in condizioni decisamente più svantaggiate di quelle dell’immediato Dopoguerra. Allora, infatti, le necessità della ricostruzione e dello sviluppo erano garantite da una popolazione costituita prevalentemente da giovani e da un sistema di sicurezza sociale il cui equilibrio era garantito da una quota di persone in età avanzata assai modesta”. Questa non è la regione che noi, come centrodestra, abbiamo lasciato nel 2013. È la regione Molise ridotta in questo stato dal governo Pd con un esecutivo regionale incapace, in questi cinque anni, di prendere qualunque iniziativa a favore del nostro popolo se non quella di far raggiungere il primato nazionale al Molise per ospitalità di migranti. Hanno svenduto questo territorio ma da marzo, quando torneremo noi al governo della regione, ci rimboccheremo le maniche per attuare il nostro progetto di sviluppo strutturato e coerente, in grado di restituire fiducia e incentivare un ruolo attivo dei singoli nel migliorare le proprie condizioni di vita».

Più informazioni su