Primonumero.it - Notizie da Termoli Campobasso Molise

Da Boccardo a Crolla, Noi con Salvini propone un governo di donne

Più informazioni su

La dirigente regionale Alberta De Lisio, il capo della Uil Molise Tecla Boccardo, la portavoce di Campobasso di Fratelli d’Italia Claudia Mistichelli, l’imprenditrice venafrana Angela Crolla, la consigliera isernina Filomena Calenda, la consigliera comunale e provinciale di Campobasso Marialaura Cancellario, il vice sindaco di Termoli Maria Chimisso, il primario della Cattolica Pina Sallustio. Sono le donne della squadra di governo immaginata dal coordinatore provinciale di Noi con Salvini Aida Romagnuolo. A capo di questa formazione tutta rosa ci dovrà essere un’altra donna.

Una proposta lanciata perché, argomenta Romagnuolo, «il Molise può farcela se nei cittadini prevale la consapevolezza che cambiando squadra e giocatori si può vincere la partita». La nostra regione infatti «èvittima di poteri forti, poteri che come i pupari gestiscono esclusivamente quasi tutti i fondi pubblici, quelli della sanità, della viabilità, dell’agricoltura, perchè la mucca da mungere nel Molise non è tanto negli aiuti alle piccolissime aziende private ma, ripeto, nei fondi regionali, statali ed europei. Questa grave situazione – insiste l’esponente salviniana – crea le sue vittime tra le fasce più deboli come i giovani, gli anziani, i disoccupati, falcidiando soprattutto chi cerca un lavoro, chi pretende una sanità che sia al servizio del cittadino, chi licenziato vuole garantire il pane alla propria famiglia, chi desidera una legge di sostegno alle famiglie che hanno disabilità, chi sogna un Molise dove le strade siano percorribili e non tutte franate, dove le scuole siano sicure e dove si valorizzi e si sostenga il turismo, l’ambiente, l’agricoltura, gli artigiani e i commercianti».

Noi con Salvini rifiuta «la logica delle bande e dei clan della politica, gli affaristi e gli improvvisatori che nel Molise si agitano in coincidenza delle elezioni. Possiamo fare la differenza con i nostri candidati, con la loro onestà, la loro voglia di cambiare e far crescere il Molise».

Più informazioni su