Primonumero.it - Notizie da Termoli Campobasso Molise

Aldo Moro, doppio incontro con Gero Grassi e Laura Venittelli

Più informazioni su

L’onorevole termolese Laura Venittelli sarà domani, venerdì 13 ottobre, al doppio incontro sulla figura di Aldo Moro. «Spesso rileggo Aldo Moro quando affermava che ’giungere all’unità comporta una grande comprensione delle cose, una visione di insieme, la ricerca di giusti equilibri, un vero sforzo di organizzazione’ per ricordare a me stessa quale compito la politica è chiamata ad assolvere».
A distanza di quasi tre anni dal ciclo di conferenze promosse col collega Gero Grassi, componente della Commissione parlamentare di inchiesta sul rapimento e la morte di Aldo Moro, il Molise è di nuovo protagonista di questa stagione di nuova consapevolezza, quella che non si vuole fermare dinanzi alla versione storicamente passata negli annali, ma ancora si chiede “Chi e perché ha ucciso Aldo Moro?”

Due gli incontri in programma venerdì 13 ottobre: alle 10.30 al cinema teatro Fulvio a Guglionesi interverranno il sindaco Bartolomeo Antonacci, la dirigente scolastica dell’istituto Omnicomprensivo locale Maria Maddalena Chimisso e lo stesso Gero Grassi, relatore principale della giornata.
Una scelta, quella di Guglionesi, che non poteva non ricondurre alla memoria la figura dell’agente di Polizia Giulio Rivera, che venne trucidato e ucciso nella strage di via Fani, componente della scorta di Moro e simbolo di lealtà alle istituzioni.

Nel pomeriggio i deputati Gero Grassi e Laura Venittelli si trasferiranno ad Agnone. “Io ci sarò ancora come un punto irriducibile di contestazione e di alternativa”. Sulla base di questa affermazione, il Centro Studi Alto Molise “Luigi Gamberale” ha organizzato la conferenza dal medesimo titolo “Chi e perché ha ucciso Aldo Moro”. Manifestazione patrocinata dal Comune di Agnone dalle 17 alla sala della giustizia dell’Hostel “Palazzo della città” interverranno la presidente del centro studi Gamberale Ida Cimmino e l’assessore alla Cultura del Comune di Agnone, Linda Marcovecchio. «Un impegno profondo per portare alla luce la ricostruzione di una delle pagine più oscure della storia del nostro Paese», conclude l’onorevole.

Più informazioni su